The show

Popular and unmissable festival scheduled on Autumn’s seasonal calendar in the Province of Asti, the name of the show refers to the ancient tradition of harvesting the latest grapes, named Rapulin ‘d San Martin in the local dialect.

On the third week end of October, when most of winemakers have ended the harvest’s operations, air is getting fresher and Autumn spread its warm and vivid colours across the countryside, the small village of Calosso livens up with this wine and food tasting, leading visitors to a fascinating journey throughout tasty flavours of typical dishes paired with great DOC and DOCG wines from the 25 local winemakers belonging to the Crota ‘d Calos Association.

A far da cornice alle degustazioni la magnifica atmosfera dei crotin, antiche cantine scavate nel tufo che giacciono sotto la maggior parte delle abitazioni del centro storico; essi guidano i visitatori attraverso un suggestivo itinerario che si snoda nel sottosuolo del borgo calossese.

Per tutta la durata della fiera vie e piazze del centro storico vengono allietate da figuranti, artisti di strada, cantastorie e, la domenica, da un variopinto e variegato mercatino a Km Zero, sulle cui bancarelle vengono esposti prodotti di vario genere appartenenti alla filiera corta.

Quella del Rapulé è senza dubbio una fiera che ha visto crescere la sua importanza e la sua popolarità oltre i confini della piccola comunità di paese, evento sicuramente irrealizzabile senza il contributo fondamentale di moltissimi calossesi che anno dopo anno mettono in campo il loro impegno, lavorando con entusiasmo, curando con attenzione il minimo dettaglio e costituendo la forza in grado di spingere questa manifestazione verso traguardi sempre più importanti.